gli indispensabili OPUSCOLI della CLINICA VETERINARIA SONDRIO: scaricabili dal nostro sito in formato pdf

FILARIA   |   RABBIA   |   LEISHMANIOSI 

          

Leishmania Canina - flebotomo


Leishmaniosi Canina


pdf filaria   opuscolo N° 3:
LEISHMANIOSI CANINA

Il principale parassita responsabile della Leishmaniosi nel cane in Italia è un protozoo (microrganismo unicellulare) chiamato
LEISHMANIA INFANTUM
ma ne esistono anche altre specie diffuse in tutto il mondo.


E’ una malattia diffusa a livello mondiale, presente nel bacino mediterraneo e quindi anche in Italia praticamente in tutte le zone marittime e anche in alcune regioni dell’interno. In Valtellina non è presente.

distribuzione della Leishmaniosi Canina

I SINTOMI possono essere estremamente vari e cio è dovuto al fatto che la leishmania si diffonde in tutto l’organismo e può causare danni praticamente in tutti i distretti corporei.
La FORMA CUTANEA è caratterizzata da vari tipi di lesioni da ipercheratosi, ulcere, noduli, desquamazione etc.,
La FORMA VISCERALE si può presentare con sintomi molto vari quali debolezza, dimagrimento, aspetto emaciato, debolezza muscolare, aumento della minzione, tosse, epistassi, difficoltà respiratorie, lesioni oculari, zoppia e molti altri ancora.

guarda il ciclo di vita della malattia

Leishmania Canina - ciclo di vita

La DIAGNOSI per la presenza del parassita si effettua con:
- esame sierologico (su sangue) per la ricerca di anticorpi
- ricerca su linfonodi e midollo osseo con esame microscopico o con PCR (metodica che ricerca il DNA del parassita stesso).

La TERAPIA si effettua per periodi molto lunghi vista la difficoltà ad eradicare l’infezione e può essere protratta anche tutta la vita.
 
Diventa così fondamentale la PROFILASSI che si effettua applicando all’animale alcune particolari sostanze repellenti che tengano lontano l’insetto che funge da vettore, che possono essere formulate come spray, fialette spot on o collari.